Archivio per la categoria IFLA

Politiche dell’informazione e biblioteche in Finlandia

Il ruolo delle biblioteche nella Societa’ dell’informazione e’ stato definito in Finlandia nel Library Development Programme. Le biblioteche hanno il supporto per una migliore visibilita’, per le richieste di maggiori servizi e per il continuo cambiamento. Ma non basta il supporto politico per avere successo, questo va guadagnato.Ma come i professionisti vedono il futuro?

Lascia un commento

Un bilancio su OA

Lars Bjornshauge Chair IFLA OA WG e direttore delle Public relations di SPARC Europe fa un bilancio di OA ad agosto 2012, durante il Convegno IFLA di Helsinki, limitandosi a depositi, libri e periodici, escludendo OER e dati. I depositi istituzionali sono quelli che dominano e OpenDoar ne elenca 2.200. Le tipologie sono varie, ma il 20% registra il full text degli articoli, la maggior parte degli editori, circa 80% accetta la pubblicazione parallela. La prima fonte di informazione e’ DOAJ, avviato da Lund nel 2003 e che elenca 8.000 periodici OAA, pubblicati in 119 nazioni.Solo una minoranza chiede una quota, circa il 20% (APC). Le licenze dei periodici OA non sono leggibili dalla macchina, con CC che prevale. In sintesi, cresce il numero, la distribuzione geografica, prevale la differenza. Tuttavia manca l’aggregazione,politiche di proprieta’ intellettuale. I libri OA sono registrati in DOAB, lanciato nel 2012 da OAPEN che registra 2000 libri circa ad oggi. Uno degli stimoli a OA sono le politiche, che prevedono o obbligo o semplice stimolo ad aprire i depositi, ad esempio l’obbligo da parte del finanziatore, da universita’ e governi, ma anche organizzazioni internazionali come EU. Anche l’infrastruttura e’ importante, come DOAJ ed ora OPENAIRE. Organizzazioni che lavorano come EIFL SPARC, ecc. I Megajounals come PLOSOne, eLife, PEERJ, SCOAP3. Sostenibilita’ o con finanziamento istituzionale, o con APC per i periodici, o con pubblicita’ o Print on Demand. Directory OA funds e Open access directory. OA quindi sta diventando maturo, anche editori di alto livello adotta il modello, parallelo al modello abbonamento.

La discussione e’ nata al Nord ma diffuso ora ovunque, come SCIELO in America Latina. I problemi non risolti sono molti. Il primo e’ quello di convincere i docenti a versare i loro contenuti. Il secondo problema e’ l’interoperabilita’. Uno dei problemi e’ il regime dell’IF, forse il maggiore ostacolome dobbiamo avere diverse misure di impatto.

,

Lascia un commento

Comunicazione scientifica: due canali di comunicazione

Come rendere l’accesso piu’ aperto e visibile, in particolare nelle nazioni in via di sviluppo? Come realizzare la missione delle biblioteche che pur affrontando la crisi e i costi delle licenze, vogliono rendere l’accesso piu’ aperto? Il WG IFLA Open Access concentra la sua sessione sull’importanza della peer review, l’apertura dell’accesso, un cambiamento culturale per studiosi e bibliotecari.

, , ,

Lascia un commento

Moscow Declaration

Si è tenuta a Mosca, dal 24 e al 28 giugno, l’International Conference on Media and Information Literacy for Knowledge Societies promossa dall’UNESCO e IFLA a cui hanno partecipato 140 persone provenienti da 40 paesi .

Sul sito sono disponibili i materiali utilizzati e i reports dei lavori svolti dopo la conferenza.

Dalla conferenza è uscita The Moscow Declaration on Media and Information Literacy.

, , , , , , , , ,

Lascia un commento

2011 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2011 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

A San Francisco cable car holds 60 people. This blog was viewed about 1.000 times in 2011. If it were a cable car, it would take about 17 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.

, , , , , , ,

Lascia un commento

Bibliotecari del futuro

La visione del bibliotecario nel 2020 per Derek Law e’ quella di un esperto che guida lo studioso. Non basta creare contenuti digitali, oppure usare le reti sociali. Occorre una nuova filosofia della biblioteca, in particolare quella universitaria.

Lascia un commento

Pussadee Nonthacumajne e la nuova generazione

La nuova generazione di professionisti dell’informazione quali competenze deve avere? chi è interessato alla risposta può leggere la presentazione fatta durante il Convegno IFLA da Pussadee Nonthacumajne, studentessa a Parma del Master Digital Library Learning

“Key skills and competencies of a new generation of LIS professionals”

http://conference.ifla.org/ifla77/programme-and-proceedings-day/2011-08-15

Lascia un commento

Discorso di Ellen Tise IFLA President

Nel sito IFLA
http://2011.ifla.org

Lascia un commento

IFLA WLIC 2011 Opening session

L’ Opening Session apre oggi 14 agosto il Convegno IFLA 2011. Il programma prevede i saluti ufficiali, l’introduzione della Presidente Ellen Tise ed un interessante discorso di Fernando Pico su “When the Paradise is an Internet site”, insieme a musica dei Caraibi

,

Lascia un commento

Il tema di Ingrid Parent, IFLA President elect

Ingrid Parent, President elect di IFLA, ci ha illustrato ieri il suo tema che guiderà i due anni della sua Presidenza: Libraries a  force for change!

Il tema evidenzia un ruolo attivo delle biblioteche nella società, per orientare il cambiamento verso valori che portano ad una crescita di tutti come:

Inclusion: riguarda la possibilità delle biblioteche di stimolare multiculturalità e partecipazione civile;

Transformation: evidenzia il modo in cui le biblioteche possono trasformare l’esperienza dei loro utenti;

Innovation: creatività ed innovazione sono parole chiave nei servizi bibliotecari che guidano il cambiamento sociale;

Convergence: questo significa apertura ad altre Associazioni nel settore come achivi e musei, ma anche patnership con editori, fornitori di servizi ecc.

Il tema presidenziale di Ingrid Parent, come lei ci ha spiegato, vuole concentrarsi sull’impatto delle biblioteche e, idealmente, segue il tema di Ellen Tise che finisce il suo periodo di Presidenza Access to Knowledge.

, ,

Lascia un commento